domingo, 11 de septiembre de 2016

La lettura del santo Vangelo, Domenica 11 Settembre (clicca qui)


Domenica 11 Settembre
Quotidiano Vangelo (Lc 15, 1-32): A quel tempo, tutti i pubblicani ei peccatori si avvicinava a lui per ascoltarlo, ed i farisei e gli scribi mormoravano dicendo: Costui riceve i peccatori e mangia con loro. Poi egli disse loro questa parabola: Chi di voi ha cento pecore e ne perde una di loro, non lasci le novantanove nel deserto e va dietro a quella perduta, finché non la ritrova? E quando la trova, si pone sulle spalle; e tornare a casa, chiama gli amici ei vicini e dice loro: 'Rallegratevi con me, perché ho trovato la mia pecora che avevo perso ". Io vi dico, così come non ci sarà più gioia in cielo per un peccatore convertito, che per novantanove giusti che non hanno bisogno di conversione.

  Oppure, quale donna ha dieci monete d'argento e ne perde una, non accende una lucerna e spazza la casa e cerca attentamente finché non la ritrova? E quando la trova, chiama le amiche e le vicine, dicendo: 'Rallegratevi con me, perché ho ritrovato la dramma che avevo perduta ". Allo stesso modo, vi dico, la gioia davanti agli angeli di Dio per un solo peccatore che si converte.

  Egli ha detto: Un uomo aveva due figli, e il più giovane di loro disse al padre: ". Padre, dammi la parte del patrimonio che mi spetta" Ed egli divise tra loro. Pochi giorni dopo, il figlio più giovane, raccolte tutte e partì per un paese lontano e là sperperò le sue sostanze vivendo da dissoluto. Quando ebbe speso tutto, una grave carestia in quel paese, ed egli cominciò a trovarsi nel bisogno. Poi andò e assunto uno degli abitanti di quel paese, che lo mandò nei suoi campi a pascolare i porci. Avrebbe voluto riempire il suo ventre con le carrube che mangiavano i porci, ma nessuno gliene dava. Ed è venuto a se stesso disse: 'Quanti salariati di mio padre hanno pane in abbondanza, mentre qui mi muoio di fame Mi leverò e andrò da mio padre e gli dirò: Padre, ho peccato contro il Cielo e davanti a te. non sono più degno di essere chiamato tuo figlio; Trattami come uno dei tuoi garzoni ". Ed egli si alzò e venne a suo padre.

  Ho mentre era ancora lontano, suo padre lo vide e ne ebbe compassione, e corse, ha gettato le braccia al collo e lo baciò. Il figlio disse: "Padre, ho peccato contro il Cielo e davanti a te, e non meritano di essere chiamato tuo figlio". Ma il padre disse ai suoi servi. 'Portare rapidamente il vestito più bello, e mettere un anello al dito ei calzari ai piedi Portate il vitello grasso, ammazzatelo, e mangiamo e far festa, perché questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato ". Poi la festa è iniziata.

  Il suo figlio maggiore si trovava nei campi e nella parte posteriore, mentre si avvicinava alla casa, udì la musica e la danza, e chiamando uno dei servi e gli chiese cosa volesse dire. Egli disse: "Tuo fratello è tornato e tuo padre ha fatto ammazzare il vitello grasso, perché lo ha riavuto al sicuro." Era arrabbiato e non sarebbe andato. Ha lasciato il suo padre, e lo pregò. Ma lui rispose a suo padre: "tanti anni ti servo fa, e non ha mai lasciato per soddisfare i vostri ordini, ma non mi hai mai dato un bambino ad una festa con i miei amici, e ora che è venuto questo tuo figlio che ha divorato i tuoi beni con le prostitute, per lui hai ammazzato il vitello grasso! ". Ma egli disse: "Figlio, tu sei sempre con me e tutto ciò che è mio è tuo, ma bisognava far festa e rallegrarsi, perché questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato" .

  Parola di Dio!

  Condividiamo il fratello in Cristo, prete Santiago Zamora


   #sacerdotessinfronteras #padresantiagozamora #Evangelio #Catolico #Jesus
#Biblia #Cristo #Iglesia #cristianismo #jesusdenazaret #Ecumenismo #Eucaristia #comunidadabiertadesacerdotessinfronteras