domingo, 6 de marzo de 2016

La lettura del santo Vangelo, Lunedi, 7 maggio (clicca qui)


 Lunedi, 7 marzo
Vangelo del giorno (Gv 4, 43-54): In quel tempo, Gesù lasciò la Samaria in Galilea. Gesù stesso aveva dichiarato che un profeta non riceve onore nella sua patria. Quando giunse in Galilea, i Galilei lo ha reso una buona accoglienza, perché avevano visto tutto quello che aveva fatto a Gerusalemme durante la festa, poiché anch'essi erano andati alla festa. Tornò poi a Cana di Galilea, dove aveva cambiato l'acqua in vino.

C'è stato un funzionario del re il cui figlio era malato a Cafarnao. Quando ha sentito che Gesù era venuto dalla Giudea in Galilea, andò a lui e lo pregò di scendere a guarire suo figlio, perché stava per morire. Allora Gesù disse: "Se non vedete segni e prodigi, voi non credete." Il funzionario del re disse: "Signore, scendi prima che il mio bambino muoia». Gesù dice: "Va ', tuo figlio vive».

Quell'uomo credette alla parola che Gesù aveva detto, e partì. Quando è venuto giù, è stato accolto dai suoi servi, e gli disse che suo figlio viveva. poi ha chiesto loro il tempo si fosse sentita meglio. Gli dissero: "Ieri, un'ora dopo mezzogiorno la febbre lo ha lasciato". Il padre si rese conto che era lo stesso tempo che Gesù aveva detto: "Tuo figlio vive" e lui e tutta la sua famiglia credeva. Questo nuovo segno, la seconda, Gesù compì quando tornò dalla Giudea in Galilea.

  Condividiamo il fratello in Cristo, prete Santiago Zamora 

#sacerdotessinfronteras #padresantiagozamora #evangelio #diario #cristo #jesus #biblia #cristianismo