sábado, 19 de marzo de 2016

La lettura del santo Vangelo, Domingo 20 marzo (clicca qui)


 Palm Domenica 20 Marzo
 Vangelo del giorno (Lc 22, 14-23,56): Quando venne il tempo, Gesù era con i suoi discepoli, e disse: "Ho molto desiderato mangiare questa cena di Pasqua con voi, prima della mia passione, poiché vi dico: non è più io mangerò finché essa non si compia nel regno di Dio ". Poi prese un calice, rese grazie e disse: "Prendi questo, mi divido tra voi; Poiché io vi dico che non berrò d'ora in poi del frutto della vite fino al Regno di Dio a venire. "

E prese il pane, rese grazie; Lo spezzò e lo diede dicendo: "Questo è il mio corpo che è dato per voi; Fate questo in memoria di me ". Dopo cena, ha fatto lo stesso con il calice, dicendo: «Questo calice è la nuova alleanza nel mio sangue, che viene versato per voi. Ma guarda: la mano che mi tradisce è con la mia sul tavolo. Per il Figlio dell'uomo sta andando come previsto; ma guai a quella che la consegna !. "

Hanno cominciato a chiedere l'un l'altro, che di loro potrebbe essere colui che avrebbe fatto. I discepoli cominciarono a discutere su quale di loro dovrebbe essere preso come il primo. Gesù disse: "I re delle nazioni le dominano e coloro che esercitano l'autorità si fanno chiamare benefattori. Non si fa così, ma il primo tra voi stessi comporti come il più giovane, e di governare, come colui che serve. Per chi è, chi è a tavola o chi serve la verità?, Che è sul tavolo? Poiché io sono in mezzo a voi come colui che serve. Voi siete quelli che avete perseverato con me nelle mie prove, e io trasmettere il Regno come ho inoltrato il Padre a me: mangiare e bere alla mia mensa nel mio regno e siederete in trono a governare le dodici tribù d'Israele " .

Ha aggiunto: "Simone, Simone, Satana ha chiesto di vagliarvi come il grano. Ma ho chiesto per te, che la tua fede non potrebbe spegnersi. E voi, quando si recupera, dà forza ai tuoi fratelli. " Egli rispose: "Signore, con te sono disposto ad andare anche, il carcere e la morte." Gesù rispose: "Io vi dico, Peter, prima che il gallo canti, oggi prima di aver rinnegato tre volte sanno."

E disse a tutti: «Quando vi ho mandato senza borsa, né bisaccia, né sandali, vi è forse mancato qualcosa?". Essi risposero: "Niente." Ha aggiunto: "Ma ora, chi ha la borsa cattura, e così la bisaccia; e colui che ha la spada non vendere il suo mantello e ne compri una. Perché tu che deve essere adempiuta in me ciò che è scritto assicuro: 'Egli è stato annoverato fra i malfattori. Quello che mi preoccupa è alla fine. " Hanno detto: "Signore, ecco qui due spade". Egli rispose: "Basta."

E Gesù uscì come al solito, al monte degli Ulivi, i discepoli lo seguirono. Una volta sul sito, hanno detto, "Pregate per non cadere in tentazione". Egli li strappò via come un tiro di schioppo e si inginocchiò e pregò: "Padre, se vuoi, allontana da me questo calice. Ma non la mia volontà, ma la tua sia fatta. " E apparve un angelo dal cielo, lui rafforzamento. Nel bel mezzo di preda all'angoscia, pregava più intensamente. E il sudore gocciola verso il basso come il sangue, a terra. E, passando dalla preghiera, andò dai discepoli e li trovò che dormivano per la tristezza, e disse: "Perché dormite? Alzatevi e pregate, per non cadere in tentazione ".

Stava ancora parlando, quando si vedono le persone: e guidato li chiamava Giuda, uno dei Dodici. Ed egli venne a baciare Gesù. Gesù disse: "Giuda, con un bacio tradisci il Figlio dell'uomo?". Rendendosi conto che erano con lui quello che sarebbe accaduto, dissero: «Signore, dobbiamo colpire con la spada?". E uno di loro colpì il servo del sommo sacerdote e gli staccò l'orecchio destro. Gesù parlò dicendo: "Lascialo, abbastanza". E tocca il suo orecchio, guarì. Gesù disse ai capi dei sacerdoti e le guardie del tempio e anziani che erano venuti contro di lui, "Voi siete usciti con spade e bastoni a caccia di un bandito? Ogni giorno ero nel tempio con voi, e non ho porre una mano. Ma questa è la vostra ora: il potere delle tenebre ".

L'hanno arrestato, lo presero e lo fatto in casa del sommo sacerdote. Pietro lo seguiva da lontano. Hanno acceso un fuoco nel cortile, si sono seduti intorno e Peter sedevano in mezzo a loro. Vedendo una cameriera seduto accanto al fuoco, lo guardò e disse: "Anche questi era con lui." Ma egli negò dicendo: "Io non lo conosco, donna." Poco dopo l'ho visto e ho detto: "Tu sei anche uno di loro." Pietro rispose, "L'uomo, non lo sono." Ultima circa un'ora, un altro insisteva, "Certo, anche questo era con lui, perché è un Galileo". Pietro rispose: "L'uomo, so cosa vuoi dire." E stava ancora parlando quando il gallo cantò. Il Signore, voltatosi, guardò Pietro, e Pietro si ricordò delle parole che il Signore gli aveva detto: ". Prima che il gallo canti, oggi mi rinnegherai tre volte" E uscito fuori, pianse amaramente.

E gli uomini che tengono Gesù deriso lui colpendolo. E, coprendosi il volto, gli chiesero: «Indovina: chi ti ha colpito?». E scagliato contro lui molti altri insulti.

Quando fu giorno, il Senato ha incontrato la gente, cioè, sommi sacerdoti e gli scribi, e facendolo apparire davanti al Sinedrio, disse: «Se tu sei il Cristo, ci dice." Egli rispose: "Se te lo dico, tu non andare a credere; e se chiedo di non hai intenzione di rispondere a me. D'ora in poi il Figlio dell'uomo sarà seduto alla destra di Dio Onnipotente ". Tutti hanno detto, "Dunque tu sei il Figlio di Dio?". Egli rispose: "Tu dici che io sono quello." Hanno detto, "Che bisogno abbiamo ancora di testimoni? Noi stessi abbiamo udito dalla sua bocca ".

Il Senato della gente è, sommi sacerdoti e gli scribi, rosa e portarono Gesù davanti a Pilato. E cominciarono ad accusarlo dicendo: "Abbiamo scoperto che questo anda fomentare la nostra nazione, nonché di opporsi reso omaggio a Cesare, e dicendo che lui è il Re Messia". Pilato chiese a Gesù: "Sei tu il re dei Giudei?». Egli rispose: "Tu lo dici". Pilato disse ai sommi sacerdoti e alla folla: "Non trovo nessuna colpa in quest'uomo". Hanno insistito con più forza, dicendo: "Costui solleva il popolo, insegnando per tutta la Giudea, dalla Galilea fino a qui". Pilato, udito ciò, ha chiesto se ci fosse un Galileo; e dopo aver appreso che era la giurisdizione di Erode è stato trasmesso. Erode era proprio a Gerusalemme in quei giorni.

Quando Erode vide Gesù, che era molto contento; po 'di tempo perché volevo vederlo, perché ho sentito parlare di lui e sperava di vederlo fare qualche miracolo. Ha fatto un lungo interrogatorio; ma Lui non rispose una parola. C'erano i sommi sacerdoti e gli avvocati accusano lui duro. Erode, con la sua scorta, lo trattò con disprezzo e lo deriso; e lui lo mise una veste bianca, lo mandò a Pilato. Lo stesso giorno Erode e Pilato amici hanno fatto, perché prima hanno ottenuto il molto male.

Pilato, riuniti i sommi sacerdoti, le autorità e il popolo, ha detto, "Mi avete portato quest'uomo, sostenendo che la gente fuorviante; e si scopre che l'ho interrogato davanti a voi, e non ho trovato in lui nessuna colpa di nulla di tutto ciò lo imputáis; né Erode o, perché ci ha trasmesso: si vede che nulla che meriti morte sono stati dimostrati. Così io lo castigato, lo libererò ". Per il partito ha dovuto girare loro uno sciolto. Hanno tuonato dicendo di massa ", che! Rilascio a noi Barabba. " A lui avevano messo in prigione per una rivolta che si è verificato in città e omicidio. Ancora una volta Pilato parlò loro di con l'intenzione di rilasciare Gesù. Ma essi gridarono: «Crocifiggilo, crocifiggilo!". Egli disse loro: la terza volta, "Ma che male ha fatto? Non ho trovato in lui. Meriti la morte. Così gli do una lezione e poi lo rilascerò ". Hanno premuto su di lui gridando a crocifiggere lui; e lui stava crescendo a piangere. Pilato decise che la loro richiesta è stata soddisfatta, ha pubblicato il chiedendogli (che è stato messo in carcere per sommossa e omicidio), e Gesù gli diede a sua discrezione.

Mentre guidava, presero un certo Simone di Cirene, che veniva dalla campagna, e addosso la croce da portare dietro a Gesù. Lei lo seguì una grande moltitudine di popolo e di donne che si battevano il petto e facevano lamenti di lui Gesù, voltandosi verso di loro e disse loro. "Figlie di Gerusalemme, non piangete su di me, ma piangete su voi stesse e sui vostri figli, poiché ecco che un giorno si dirà, 'Beate le sterili ei grembi che non hanno partorito e il seno che non sono allevati'. Poi cominciano a dire ai monti, 'caduta su di noi,' e ai colli, 'noi copertura'; perché se trattano così il legno verde, che avverrà al secco? ".

anche hanno portato altri due criminali per eseguirli con lui. Quando giunsero al luogo detto "The Skull", lo crocifissero lì, a lui ei malfattori, uno a destra e uno a sinistra. Gesù disse: "Padre, perdona loro, perché non sanno quello che fanno." E i loro vestiti, gettandoli a sorte divisi. Il popolo stava a guardare. Le autorità smorfia dicendo: "Ha salvato gli altri; salvi se stesso, se è il Cristo di Dio, il suo eletto ". Egli ha anche insultato i soldati, offrendogli l'aceto, e dicendo: "Se tu sei il re dei Giudei, salva te stesso." Ci sono stati più di un segno in latino ed ebraico scrittura greca,: "Questo è il re dei Giudei".

Uno dei malfattori appesi alla insultato dicendo: "Non sei tu il Cristo? Salva te stesso e noi. " Ma l'altro lo rimproverava: "Non ancora timore di Dio, essendo nella stessa condanna? E la nostra è giusto, perché riceviamo il pagamento per quello che abbiamo fatto; tuttavia, ha fatto nulla di male ". E disse: «Gesù, ricordati di me quando entrerai nel tuo regno". Gesù rispose: «Vi assicuro, oggi sarai con me nel paradiso".

Era verso mezzogiorno e si fece buio su tutta la terra fino a metà pomeriggio; perché il sole è stato oscurato. Il velo del tempio si squarciò in due. E Gesù, gridando a gran voce, disse: «Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito". E ho detto, è scaduto.

La sega centurione, ciò che era accaduto, ha dato gloria a Dio, dicendo: "In verità, quest'uomo era giusto". Tutta la folla che era venuto a questo spettacolo, dopo aver visto quello che è successo, è tornato battendosi il petto. Tutti i suoi conoscenti tenevano a distanza, e le stesse donne che lo avevano seguito dalla Galilea e sono stati a guardare.

Un uomo di nome Giuseppe, che era un senatore, uomo buono e onesto (che non avevano votato a favore della decisione e il reato di loro), che era nativo di Arimatea e si è in attesa del regno di Dio, andò da Pilato e gli chiese il corpo Gesù. E, in movimento verso il basso, lo avvolse in una coperta e collocato in una tomba scavata nella roccia, dove non avevano messo ancora nessuno. Era il giorno della Preparazione e verged Sabato. Le donne che lo avevano accompagnato dalla Galilea andò dopo aver esaminato la tomba e come il suo corpo collocato. Sulla via del ritorno si prepararono aromi e oli profumati. E hanno mantenuto il riposo del sabato, secondo il comandamento.

  Condividiamo il fratello in Cristo, padre Santiago Zamora 
 #sacerdotessinfronteras #padresantiagozamora #evangelio #diario #cristo #jesus #biblia #cristianismo