miércoles, 24 de febrero de 2016

La lettura del Vangelo, Giovedi 25 febbraio (clicca qui)


 Giovedi, 25 febbraio
 Vangelo del giorno (Lc 16, 19-31): In quel tempo Gesù disse ai farisei: "Era un uomo ricco, che vestiva di lino e festa viola e fine magnificamente ogni giorno festeggiamenti. E un uomo povero, di nome Lazzaro, che giaceva alla sua porta, coperto di piaghe, bramoso di riempire con quello che cadeva dalla mensa del ricco, anche i cani venivano a leccare le sue piaghe.

"Il caso volle che il povero morì e fu portato dagli angeli nel seno di Abramo. la Morì anche il ricco e fu sepolto. Mentre negli inferi fra i tormenti, alzò gli occhi e vide di lontano Abramo e Lazzaro accanto a lui. E ha gridato, 'Padre Abramo, abbi pietà di me e manda Lazzaro a intingere nell'acqua la punta del dito e bagnarmi la lingua, perché soffro terribilmente in questa fiamma.' Ma Abramo rispose: 'Figlio, ricordati che hai ricevuto i tuoi beni durante la tua vita, mentre Lazzaro, al contrario, i suoi mali; E ora, lui è consolato e si tormentava. E poi, fra noi e voi un grande abisso, in modo che coloro che vorrebbero passare di qui a non si può essere presentata; o là dove possiamo passare. "

"Egli rispose: 'Ma io prego, Padre, che vengono inviati a casa di mio padre, perché ho cinque fratelli, di dare loro testimonianza, perché non vengano anch'essi in questo luogo di tormento.' Abraham ha detto, 'Hanno Mosè ei Profeti; a sentire loro. " Ha detto: 'No, padre Abramo; ma se qualcuno dai morti andrà da loro, diventeranno ". Ha detto: 'Se non ascoltano Mosè ei profeti, non si lasceranno persuadere se si sale dai morti' ".

  Condividiamo il vostro fratello in Cristo, prete Santiago Zamora 

  #padresantiagozamora #sacerdotessinfronteras #evangelio #diario #cristo #jesus #biblia #cristianismo