domingo, 4 de octubre de 2015

La lettura del Vangelo, Lunedi, 5 ottobre (clicca qui)


 Lunedi, 5 di ottobre
 Vangelo (Lc 10, 25-37): A quel tempo, un dottore della legge si alzò e disse alla prova: «Maestro, che cosa devo fare per ereditare la vita eterna?». Egli disse: "Che cosa sta scritto nella Legge? Come leggi? ». Egli rispose: 'Ama il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima, con tutta la tua forza e con tutta la tua mente; e il prossimo tuo come te stesso. " Gli disse: "Hai risposto. Farlo e vivrai ".

Ma voleva giustificarsi, disse a Gesù: «E chi è il mio prossimo?». Gesù rispose: "Un uomo scendeva da Gerusalemme a Gerico e incappò nei briganti che lo spogliarono, lo percossero, lo stavano lasciando mezzo morto. Casualmente, andando su questa strada un sacerdote e lo vide, ha preso una deviazione. Allo stesso modo, un levita che passava il luogo, lo vide un rodeo. Invece un Samaritano, che era in viaggio, passandogli accanto lo, e vedendo lo ebbe compassione; e lui è venuto e fasciò le ferite, versandovi olio e vino; e lo mise sulla propria cavalcatura, lo portò a una locanda e si prese cura di lui. Il giorno seguente, estrasse due denari e li diede all'albergatore, dicendo: Abbi cura di lui e se si spende di più, ti pagherà al mio ritorno. Chi di questi tre ti sembra sia stato il prossimo di colui che è incappato nei briganti? ». Egli ha detto: "Chi ha avuto compassione di lui". Gesù gli disse: «Va 'e fare altrettanto."

  Condividiamo il vostro fratello in Cristo, Prete Santiago